Ponti termici

Un ponte termico è rappresentato dalla discontinuità presente in un certo punto dell'edificio, tale discontinuità è data dalla differenza di caratteristiche termiche dei materiali attigui, oppure dalla discontinuità di forma della struttura.

Alcuni ponti termici "classici" si trovano in corrispondenza di angoli,   pilastri, balconi, raccordi finestre, davanzali, cassonetti degli avvolgibili,  attacchi parete-solaio, etc.

Vanno distinti tra quelli costruttivi e geometrici.



PONTI TERMICI COSTRUTTIVI



Dovuti alla vicinanza di materiali differenti, un esempio classico delle nostre tipologie edilizie è il tratto di muratura dove è presente un pilastro. 



PONTI TERMICI GEOMETRICI



Dovuti ad un cambiamento di geometria di una struttura, un tipico esempio è la zona d'angolo che raccorda due murature. In questa zona il flusso di calore tra la zona interna e quella esterna è notevolmente differente. Mentre in un tratto geometrico rettilineo, la superficie interna e quella esterna hanno le medesime dimensioni.



QUALI CONSEGUENZE?



Dopo tutte queste spiegazioni, nella sostanza che problemi creano al nostro edificio?

Possono creare problematiche di tre tipologie:



ENERGETICHE IGIENICO SANITARIE - STRUTTURALI



ENERGETICHE



Le dispersioni energetiche dovute ai ponti termici incidono molto sul nostro edificio, se facciamo una media incidono per il 25% - 30% rispetto alle dispersioni termiche globali. Per questo, in fase di progettazione, è fondamentale correggerli il più possibile.

Consiglio: in caso di nuova costruzione o ristrutturazione non trascurate mai uno studio approfondito dei ponti termici, tramite l'utilizzo di software ad elementi finiti.

 





IGIENICO SANITARIE



I ponti termici in certe condizioni di temperatura e di umidità, possono creare diversi fenomeni poco piacevoli per le nostre abitazioni, ad esempio la formazione di condensa superficiale sull'involucro a contatto con l'esterno con la conseguente formazione di muffe, macchie, distacchi dell'intonaco, etc.

Ricordate però di non imputare sempre a loro la colpa della creazione di muffa nei vostri ambientii, soprattutto nei bagni. Infatti se i locali abitativi non hanno un buon ricambio d'aria possono manifestarsi delle aree con le muffe. Le muffe si manifestano in ambienti con alti tassi di umidità e alcune famiglie prolificano in  30 giorni circa. 

Consiglio: ventilate sempre bene la vostra casa, almeno due volte al giorno, arieggiate sempre intensivamente per poco tempo, aprendo più finestre possibili per pochi minuti. Durante o dopo la doccia aprite la finestra del bagno!



STRUTTURALI



Tutte le variazioni di temperatura che si creano all'interno dei nodi fondamentali della struttura producono delle tensioni interne che possono anche causare dei distacchi dei materiali (come il distacco dell'intonaco). Di conseguenza, a lungo andare, potrebbero rovinare in maniera importante la vosta abitazione.

Consiglio: se avete un armadio contro una muratura (male o poco isolata) rivolta verso l'esterno, magari verso nord, spostatelo e controllate dietro potreste scoprire delle sorprese, negative purtroppo! 





 

 





 















 











Esempio di calcolo di un ponte termico con software a elementi finiti



Zona d'angolo con pilastro e isolamento a cappotto esterno, nell'immagine il grafico delle temperature, ponte termico corretto, non ci saranno fenomeni di condensa e di muffa.

E possibile scaricare l'esempio del report completo in pdf cliccando qui.



ristrutturazioni, chiavi in mano, ponte termico, galletti marco,risparmio energetico, casa, abitazione,  architetto torino, architetto chieri, architetto piemonte,

Cambiamento di geometria, zona d'angolo e zona rettilinea

ristrutturazioni, chiavi in mano, galletti marco,risparmio energetico, casa, abitazione,  architetto torino, architetto chieri,ponte termico, architetto piemonte,

Parete esterna NON isolata, bassa temperatura superficiale interna, pericolo di condensa e muffa

ristrutturazioni, chiavi in mano, galletti marco,risparmio energetico, casa, abitazione,  architetto torino, architetto chieri,ponte termico, architetto piemonte,

Parete esterna isolata con cappotto termico, temperatura superficiale interna omogenea, niente muffa e condensa, comfort abitativo elevato

Grafico delle temperature realizzato con software ad elementi finiti

Iris 2.0 - Anit.