Isolamento: cappotto termico 

Come tutti sappiamo ci sono molti modi per isolare un edificio, la scelta della soluzione è sempre basata su più fattori, come la tipologia e destinazione dell'edificio, se progettiamo un nuovo edificio o dobbiamo intervenire sull'esistente, il budget economico disponibile per l'intervento e molti altri.



Cappotto esterno



Il miglior sistema di isolamento termico è il cappotto  esterno, difatti se progettato in maniera corretta scegliendo accuratamente la tipologia di isolante ed il suo spessore, posandolo a regola d'arte, quindi controllando costantemente l'impresa durante questa fase, permette di ottenere risultati eccellenti.

Consiglio: la progettazione è fondamentale, ricordate che il materiale isolante fa la differenza, se si sbaglia tipologia si compromette tutto il risultato termico oltre l'ingente danno economico. 



Alcuni vantaggi dell'isolamento dall'esterno sono:



- notevoli riduzioni di dispersioni energetiche

- muri dell'edificio sempre caldi durante l'inverno

- doppio isolamento, termico ed acustico (con l'isolante appropriato)

- abbattimento dei costi per il riscaldamento

- eliminazione dei ponti termici

- corretto comportamento termoigrometrico delle murature

- miglioramento inerzia termica delle pareti (minore caldo d'estate)

- non dover lasciare l'abitazione durante i lavori di isolamento

- grandi risparmi economici sulle bollette energetiche 



Cappotto interno

 

 

Il sistema con isolamento interno ha innumerevoli svantaggi, tra cui:

- non corregge i ponti termici 

- può esser causa di condensa e muffe

- diminuisce la superficie utile dell'abitazione

- bassa inerzia termica delle murature

Si dice generalmente che costi meno: attenzione l'unico vantaggio è il minor costo nell'immediato data l'assenza del ponteggio esterno. Considerate che dovreste lasciare la vostra abitazione per tutto il periodo dei lavori, bisognerebbe modificare l'impianto elettrico, etc.

Consiglio: un esempio in cui può essere sfruttato l'isolamento dall'interno è nel caso di un'abitazione occupata saltuariamente per il week-end (casa di montagna), dove ho l'interesse che si scaldi in fretta al mio arrivo e quindi diventa trascurabile la velocità con cui si raffredda l'appartamento nel momento in cui torno in città.



Conclusioni



Ricordiamoci che stiamo parlando di beni immobili e, data la vita media di un edificio, negli interventi di risanamento o di risparmio energetico  bisogna sempre valutare il risultato  a lungo termine.



 



ristrutturazioni, chiavi in mano, galletti marco,risparmio energetico, casa, abitazione,  architetto torino, architetto chieri, cappotto termico, cappotto esterno,architetto piemonte,
ristrutturazioni, chiavi in mano, galletti marco,risparmio energetico, casa, abitazione,  architetto torino, architetto chieri, cappotto termico, cappotto esterno,architetto piemonte,
ristrutturazioni, chiavi in mano, galletti marco,risparmio energetico, casa, abitazione,  architetto torino, architetto chieri, cappotto termico, cappotto esterno,architetto piemonte,

Cappotto esterno, facciata ultimata

Cappotto esterno, posa pannelli isolante (EPS con grafite)

Cappotto esterno, posa pannelli isolante (calcio silicato)